Io e Claudio, un giovane seminarista, siamo seduti nel chiostro del Seminario Arcivescovile di Firenze quando esordisce: “L’aspirazione alla gioia è impressa nell’intimo dell’essere umano. Al di là delle soddisfazioni immediate e passeggere, il nostro cuore cerca la gioia profonda”.

Quando ho iniziato questo progetto non sapevo ancora cosa ne avrei tirato fuori. Da giovane ventiseienne atea l’idea della fede era un concetto troppo astratto, fondato su un’idea di amore che non ho mai provato. L’aspetto che poi ho deciso di approfondire è stato quello legato al mondo giovanile, proprio perché così distante da me, dalla mia vita. Volevo capire dove andassero le loro preghiere. A volte viene dipinta un’immagine del Cristianesimo come di una proposta di vita che va contro il nostro desiderio di felicità, ma se c’è una cosa che ho capito davvero è che i cristiani sono uomini e donne felici perché sanno di non essere soli. Questa è stata poi la chiave di lettura intorno alla quale ho cercato di sviluppare la tematica.

©YarT Photography. All rights reserved